Vai al contenuto
  • Vai al contenuto

    Denise Pipitone, caos in Russia: scontro in diretta ma non è ancora finita


    Natoduevolte
     Share

    Recommended Posts

    • Maschio (Etero)

    Denise Pipitone non è Olesya Rostova. Al termine della puntata di “Lasciamoli Parlare”, la trasmissione pre-telegiornale dell’emittente russa il mistero è stato finalmente svelato. I due gruppi sanguigni infatti non coincidono. Ma si è dovuto attendere che il format facesse il suo corso, con ben due aspiranti madri di Olesya escluse da un test del dna. Con l’immancabile riepilogo di tutta la vicenda, sia di Olesya che di Denise.

    Quando si è venuti al dunque, dall’Italia è apparso in collegamento l’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, mentre tra le mani del conduttore, Dmitry Borisov, è comparsa una busta, che conteneva il responso sulle analisi del sangue di Olesya.

    Borisov ha chiesto allora a Frazzitta di comunicare il gruppo di Denise, con la ragazza russa in trepidante attesa. Ma il legale si è rifiutato, pretendendo la procedura inversa. Ne è nato un surreale battibecco, prontamente interrotto da Frazzitta, che ha minacciato di andarsene se non si fosse messa fine al tira e molla.

    “Voglio sapere se è la mia mamma”, ha detto allora Olesya con la voce quasi rotta dalle lacrime. A quel punto Borisov ha ceduto e ha trovato il modo di comunicare il gruppo sanguigno al legale (attraverso il cellulare del corrispondente della Rai a Mosca, Marc Innaro, che sedeva sul divano degli ospiti della trasmissione). Frazzitta ha allora rivelato che i due gruppi non coincidono.

    Borisov ha promesso che la trasmissione continuerà a cercare la madre di Olesya e ha chiesto agli italiani, “che si sono appassionati alla vicenda di questa ragazza”, di non “abbandonarla”. In coda in studio si è sollevato però il dubbio che il test del sangue di Denise, effettuato tanti anni fa, possa non essere corretto e che sarebbe meglio, a scanso di equivoci, procedere con l’esame del Dna.

    View this post on Instagram

    A post shared by Trash Italiano (@trash_italiano)

    In una nota stampa inviata ai media italiani, e diffusa da Chi l’ha visto?, l’avvocato Frazzitta ha puntualizzato che ha trasmesso tutta la documentazione alla Procura della Repubblica di Marsala che valuterà se procedere ad ulteriori accertamenti.

    Link al commento
    Condividi su altri siti

     Share


    Ops! Adblock Rilevato 

    Disabilita il blocco della pubblicità per proseguire.

    In questo sito è assolutamente vietato navigare a scrocco e con programmi che bloccano le pubblicità che forniamo, ti ricordiamo che se vuoi una navigazione del tutto priva di pubblicità, puoi iscriverti al nostro abbonamento premium, per un costo davvero irrisorio di 5.00 al mese, questo perchè FaceChat vive di pubblicità ed è grazie ad essa che può rimanere online.

    Fatta questa piccola premessa metti FaceChat nella tua whitelist o disabilitare il software per il nostro portale.

    Se non sai come fare guarda il piccolo tutorial sotto:

     

    Adblock

    1. Clicca sull'icona di Adblock presente in alto a destra.

    chrome-adblock-1.jpg.ea0b8c7603027c7158b4e8dd0c56a884.jpg

    2. Clicca sulla voce Non attivare sulle pagine di questo dominio.

    chrome-adblock-1.jpg.381036aff103b271443c70256f7296ce.jpg

    3. Clicca sul pulsante Escludi nel riquadro che si apre.

    chrome-adblock-3.jpg.4c72b9aae3abe401bc13e8b02fe8fa07.jpg

    4. In caso di problemi, clicca prima sull'icona di Adblock e poi sulla voce Opzioni. Clicca su PERSONALIZZA e poi su Mostra le pubblicità su una pagina web o dominio: digita facechat.it e fai clic su OK!.

    chrome-adblock-4.jpg.620389a907039143d9e84a09dab01575.jpg

    ______________________________

     

    Adblock Plus

    1. Clicca sull'icona di Adblock Plus presente in alto a destra.

    chrome-adblock-1.jpg.242c6104286b8399bac2a44dd57a487e.jpg

    2. Clicca sulla voce Attivato su questo sito.

    chrome-adblock-plus-2.jpg.8e677ee078e1f5f4bd5b1c9f3a36f519.jpg

    ______________________________

     

    Adblock Origin

    1. Clicca sull'icona di uBlock Origin presente in alto a destra.

    chrome-adblock-1.jpg.683e361e1341554dc0531b758169583a.jpg

    2. Clicca sul pulsante blu in cima al menu che si apre.

    chrome-ublock-2.jpg.6fc34db758398808d868e17613242ed5.jpg

    Adblock Pro

    1. Clicca sull'icona di Adblock Pro presente in alto a destra.

    chrome-adblock-pro-1.jpg.f5ccb4a40c16e685b28eb125890853d5.jpg

    2. Clicca sul pulsante blu in cima al menu che si apre 

    chrome-adblock-pro-2.jpg.ff614a8cfcf0dc25d638f937e7cb1660.jpg

    ______________________________

     

     

    Questi mini tutorial sono per i più famosi plugin adblock, ovviamente se il tuo plugin non rientra tra quelli citati in alto e non sai come fare cerca su san google come disabilitare il tuo.

    Clicca il pulsantino verde in basso se hai disabilitato il blocco.